Non arriva acqua calda: ecco cosa fare

Non arriva acqua calda

Non arriva acqua calda in doccia e/o in cucina?

Devi aprire più rubinetti per far arrivare l’acqua calda nella doccia?

Non sai cosa fare e non voglia di farti la doccia fredda?

Vediamo quali sono le case di questo problema diffuso e come puoi risolverlo!

Non arriva acqua calda: cause

Quando non arriva acqua più calda in un rubinetto, vuol dire che al suo interno si è accumulato troppo calcare.

Questo, infatti, sotto forma di minuscoli sassolini ha ridotto o bloccato il passaggio dell’acqua calda.

Questo perché sotto lo scaldabagno, o caldaia, non hai il dosatore di polifosfati ed usi l’acqua troppo calda!

È solo riscaldando l’acqua, infatti, che i minerali di calcio e magnesio si trasformano in carbonato di calcio e carbonato di magnesio comunemente chiamati con il termine di calcare.

Cosa fare, dunque, nell’immediato prima di chiamare un idraulico?

Vediamolo insieme!

Non arriva acqua calda: pulizia cartuccia

La prima cosa che puoi fare per tamponare la situazione è pulire la cartuccia del miscelatore in cui non arriva l’acqua calda.

Hai due modi per farlo.

Puoi smontare la maniglia del rubinetto, con l’aiuto di una chiave a brugola e una chiave inglese facendo attenzione a non rovinare nulla o a perdere qualche pezzo oppure …

Oppure, molto semplicemente, fai un idrolavaggio senza smontare nulla.

Come si fa? Vediamolo!

Per prima cosa chiudi il rubinetto dell’acqua calda. Di solito si trova vicino al wc, assieme alla saracinesca dell’acqua fredda.

Se manca controlla che non ci sia un piccolo rubinetto sotto lo scaldabagno.

Se anche lì non trovi nulla, controlla che non ci sia una saracinesca sotto il lavello.

Di solito, l’acqua che va allo scaldabagno arriva dalla stessa linea della cucina.

Adesso devi smontare la cornetta della doccia e tappare con un tappo da 1/2 e aprire il rubinetto dell’acqua a metà, tra freddo e caldo.

Smonta il rompigetto di un rubinetto qualsiasi e apri e chiudi più volte l’acqua sul caldo.

Dovresti vedere uscire del calcare, ovvero piccoli granelli di sassolini giallo-arancioni.

Dopo che non vedrai uscire più nulla, puoi ripristinare il tutto perché la cartuccia è pulita.

In questo modo non hai smontato nulla e non hai creato danni.

La soluzione definitiva, comunque, sarebbe quella di installare un dosatore di polifosfati sotto lo scaldabagno, o caldaia che sia.

Questo, infatti, evita la formazione di calcare nell’acqua calda.

Chiamaci

Se non sei pratico del fai da te o hai paura di creare più danni che benefici, non esitare e chiamaci subito al 3898835026 e saremo da te in men che non si dica!

Grazi ai nostri automezzi copriamo tutta Milano e provincia!

Dai un’occhiata ai nostri prezzi.

Recensioni

Leggi qui sotto cosa dicono i clienti che si sono rivolti a noi prima di te:

Non ti fidi ancora? Leggi cosa dicono di noi altri clienti.

Chiamaci ora al 3898835026 e saremo da te in men che non si dica!

Sei un’amante del fai da te? Visita il nostro store!

Dosatore di polifosfati: come funziona e a cosa serve

Dosatore polifosfati

Il dosatore di polifosfati è obbligatorio per ogni impianto e va applicato in caso di installazione di nuovi impianti, di ristrutturazione di impianti termici o di altri interventi parziali, che sostanzialmente vuol dire sempre.

Serve come trattamento anticalcare e anticorrosivo negli impianti idrici di casa e, nello specifico per la produzione di acqua calda sanitaria a uso domestico.

Si installa sotto il generatore di acqua calda, caldaia o scaldabagno che sia.

Senza di esso, infatti, i rompigetto si bloccano di calcare e, in alcuni casi, anche la cartuccia stessa del rubinetto si blocca.

In questo modo, dunque, non arriva più l’acqua calda alla doccia o al rubinetto del lavandino.

In alcuni casi, il rubinetto è così danneggiato che va sostituito.

Il problema maggiore, però, riguarda lo scaldabagno.

Il calcare che si forma, infatti, crea dei sassolini che bucano la serpentina dello scaldabagno stesso creando una perdita enorme.

Dosatore di polifosfati: come funziona

Chiamato anche dosatore proporzionale anticalcare, funziona sciogliendo in modo proporzionale il polifosfato alimentare nell’acqua. Il processo è semplice: questo elemento ha infatti un’azione “chelante”, cioè di schermatura, sulle particelle di calcio e magnesio che rischiano di depositarsi nelle tubature.

I polifosfati del dosatore agiscono creando una sorta di film all’interno delle tubature che le protegge dall’attacco del calcare e porta via gli ioni di calcio che possono arrecare il danno.

Dosatore di polifosfati: quanto dura

Il corpo del dosatore ha durata illimitata, fino a che morte non vi separi.

I sali in esso contenuti, invece, si esauriscono a cadenza regolare secondo l’uso e devono essere reintegrati grazie ad apposite ricariche.

Dosatore di polifosfati: Chiamaci

Non aspettare di creare danni alla tua casa, chiamaci ora al 3898835026 e saremo da te in men che non si dica!

Grazi ai nostri automezzi copriamo tutta Milano e provincia!

Dai un’occhiata ai nostri prezzi.

Recensioni

Leggi qui sotto cosa dicono i clienti che si sono rivolti a noi prima di te:

Non ti fidi ancora? Leggi cosa dicono di noi altri clienti.

Chiamaci Ora